Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Galleria


Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 37 il Mar Apr 25, 2017 1:33 pm
Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario


Weapon of Choice

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Dom Giu 19, 2016 9:57 am

Il cielo è plumbeo. Il sole sta sorgendo ma le nuvole cariche di pioggia rendono la giornata grigia. Sarebbe uno di quei giorni da stare chiusi in casa e basta, leggere un bel libro di fronte ad una tazza di thé fumante.  Sarebbe un lusso, sarebbe un mondo “normale”. Ormai non è rimasto nulla di normale in questo mondo. Proprio per un cazzo. L'energumeno con la maschera osserva il suo obiettivo, un piccolo accampamento nello spiazzo della foresta. Quei brutti bastardi dei Mastini stanno ancora dormendo. Duke sta pregustando nella sua testa il momento in cui uscirà ridendo dal bosco macellandoli con la calibro 50.
Sarà uno spettacolo meraviglioso con molto sangue e poche urla. Gli bastano pochi istanti per fare a pezzi un uomo con il suo nuovo giocattolino. Chiude gli occhi e pensa ad un sacco di cose. Trattiene per un attimo il respiro mentre ragiona sul fatto che un gruppo di cacciatori non abbia messo delle sentinelle.
Gli si gela il sangue quando capisce che c'è qualcosa che non va. Troppo silenzio, tutto troppo calmo. Possibile che lui, con gli anni d'esperienza che ha alle spalle, si sia fatto fregare così.
Quel che è peggio è che la sua Briciola è con lui.
Agire è l'unica via percorribile ora. I muscoli si tendono, le vene si gonfiano sul suo collo taurino.
Non ci pensa un momento. Corre in avanti mentre arma il suo mitragliatore.
“Sono il conducente di questo treno di caccaaaaaa!”
Grida durante la sua carica.
O la va o la spacca.
Una pioggia di fuoco colpisce le figure addormentate, nessun urlo nessun movimento.
Duke si trova madido di sudore ed ansimante dopo aver svuotato l'intero caricatore. Sfodera la mazza e la spada pronto a finire l'opera del Signore.
Nessuno degli avversari si è mosso oppure ha urlato. L'energumeno si muove circospetto, dietro di lui un ombra schiva gli copre le spalle. Duke si guarda intorno, vede delle tracce di pneumatico nel fango.
Gli balza un'idea in mente, con due passi è arriva vicino ad una delle sue “vittime”. Un mucchio di stracci senza nessuno sotto. Stessa cosa anche per gli altri.
Che fregatura.
L'energumeno urla al cielo la sua rabbia mentre la piccola ragazza raccoglie da terra un bellissimo rosario.
Inizia a piovere su di loro.

Territori al confine tra Centro ed Est, 19 giugno 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Dom Lug 03, 2016 12:20 pm

Il distributore, un luogo lercio e lasciato andare,  le pompe di benzina però erano ancora in sunzione come al solito da quasi un secolo e passa. Lerry sta tirando una pista di coca sul bancone sporco,  Berry spazza fuori le carcasse dalla scarafaggi dal dalla latrina.  Ad operazione terminata l'omaccione calvo e sudato si lascia cadere sul divano sgualcito e pieno di toppe in mezzo al fabbricato fatiscente orpellato solo di qualche pezzo di ricambio e bottiglie di alcolici di dubbia provenienza. Lerry fa una smorfia di piacere misto a prurito quando alla fine dell’ultima pista ridendo come solo un pervertito eccitato potrebbe fare. Una routine meravigliosa se solo qualcuno si presentasse per fare un pieno. Così, tanto per vedere gente  nuova, magari qualche donna. Quello non accadeva da un po’ a causa del movimento delle truppe della Sovrana. Ormai erano settimane, se non mesi, che nessuno passava per quella statale.
La porta, che stava in piedi sui cardini per miracolo, si apre cigolando.  Un uomo vestito come un gentiluomo d’altri tempi,  la faccia coperta di cicatrici e bulloni. Con il passo deciso di chi non ha tempo da perdere si avvicina al bancone.
"Voi due! Avete una frizione di ricambio?"
Il suo volto è contratto, nervoso.
"Amico, mi spiace ma quel pezzo costa un sacco di verdoni e proprio non ne ho adesso, prova a passare tra un mese vedrai..."
Berry viene interrotto da un rombo assordante, il "ferro" del tipo stravagante ha una lama che corre per tutta la canna e lo impugna  come una spada poco al di sopra della testa di Berry.
"Mi infastidisci, la mia auto ha la frizione andata ed ho fretta, avete un veicolo funzionante?"
Lo smilzo sdentato dietro il bancone diventa pallido, il panzone sudato sgrana gli occhi mentre ammira la canna da troppo vicino la canna di quella particolare arma da fuoco.
"S-Si ma è l’unico che abbiamo e non vorrei dover tornare a piedi in città, senti per un po’ di soldi te lo vendo e ti permuto il tuo, ci stai?"
Berry non è un violento, anzi. Sente distintamente la paura farsi largo dentro di lui. Sa benissimo  che di questi tempi bisogna venire incontro a certi esaltati, alla peggio Lerry l'avrebbe impallinato col fucile a pompa sotto il bancone, era già capitato altre volte. Od almeno ci avrebbe provato.
"Mi sta bene, ecco!"
Il tizio che improvvisamente  cambia tono fece, fa volare sulle gambe di Berry le chiavi di una vecchia Cadillac ed un pacco di circa 180 verdoni. L'uomo, visibilmente stupito, afferra i soldi con le sue dita grassocce ed inizia a ridere istericamente.
"Amico...come posso chiamarti? vieni! ti mostro il tuo nuovo bolide."
Il tizio ritorna scontroso in un battibaleno.
"Puoi chiamarmi G, ma non sono tuo amico."
New Wisconsin, vicino al confine tra il Centro e l'Est , 3 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Mar Lug 12, 2016 9:38 pm

I tre uomini erano intorno alla cartina da svariati minuti, alambiccandosi su come risolvere la situazione in una discussione sufficientemente animata da poter essere udita anche fuori dalla tenda di comando.
Yo digo que l'unico modo è far esplodere este parete.
Non è fattibile. Rischiamo di tagliare anche la nostra via di fuga così.
Ay carramba! No tenemos otra opción! Con i nostri esplosivi, questa è l'unica parete che possiamo far saltare!
Ne sei sicuro, Paddy?
Seguro como la muerte, Señor.
...è un bel problema. Dobbiamo assolutamente sbarrare questo passaggio per costringerli ad avanzare a piedi nel bosco, dove potrà essergli tesa una trappola. Se no, dovremmo piazzarci sul crinale e tenerli impegnati con salve di fucile.
Sarebbe pure peggio, boss. L'esercito della cagna ci sniderebbe con qualche salva di artiglieria e perderemmo solo uomini.
Allora non abbiamo altre opzioni.
A dire il vero...
Oh Dios , aquí de nuevo.
...a dire il vero, potremmo usare Nathan. Non credo lui abbia bisogno di punti di appoggio specifici per causare una frana.
Señor, esto es imposible. Nathan non è così potente.
Da solo no, è vero. Ma non ho suggerito di impiegarlo da solo.
Ho capito dove vuoi andare a parare. Se impieghiamo Milo, dopo avremo due uomini da estrarre rapidamente.
Si, ma avremo una via per estrarli, almeno.
...va bene. Si tratta di un buon piano. Chiamati quei due, vorrei parlarci di persona...

Emides, tenda di comando di Roland. Metà del luglio 2116.
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Lun Lug 18, 2016 9:48 pm

...gli ultimi esami confermano che non ci sono più tracce della malattia in alcuna delle persone precedentemente affette da essa. Fortunatamente, il vaccino elaborato dallo Squadrone XXX - si veda relazione allegata sulla proposta di encomio per la recluta Hakan "Bosco di sogni" - ha avuto i risultati sperati.
Rimane solo dubbio la situazione delle due reclute Nord il cui sistema immunitario ha autonomamente battuto il patogeno...
Frammento di un rapporto di Desmond al Comandante Roland. Metà del luglio 2016.
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Mar Lug 19, 2016 10:48 am

Una mattinata molto calda ad Emidees.
Jellyfish è in mezzo al piazzale d'addestramento: indossa un paio di anfibi neri, dei pantaloncini corti di jeans, nessuna maglietta la copre ed è in reggiseno, sopra l'immancabile chiodo di pelle con i gradi da Colonnello. Il suo volto è come al solito tumefatto ma sorridente. Ai suoi piedi nel piazzale alcuni uomini nerboruti del suo Squadrone fanno delle flessioni in un pozza di sudore. Da circa trenta minuti la loro Comandante li sta allenando intensamente. Duke sente quasi uno svenimento, il sole che picchia è troppo anche per lui ma non cederà mai, non di fronte agli altri. Allo stesso modo Bjorn vorrebbe solo fermarsi e bersi una birra all'ombra ma non può dare segni di cedimento, non lui che è un fiero figlio del Nord, discendente di capi e benedetto dagli Dei.  
Ai margini del campo d'addestramento, in un vecchio capannone abbandonato, si sentono delle esplosioni. Paddy fa correre i suoi tra le rovine mentre gli lancia contro  granate di ogni tipo. I medici, insieme a Desmond, aiutano a rimuovere le schegge dai soldati troppo lenti. Due addestramenti al prezzo di uno.
Lo Squadrone XXX si prepara alla prossima missione. La partenza è imminente.

Emidees, 19 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Mer Lug 27, 2016 7:31 pm

L’uomo posa il ricevitore radio, con una calma che tradisce grande rabbia, mentre con la mano sinistra si copre il volto.

“Hanno fatto COSA?!”
“Calmati, il primo messaggio radio ci conferma che hanno salvato parte del…”
“Parte di COSA?! Sono dei MAIALI!”
“Calmati Cazzo! Non è andata cosi male. “
“Sei ottimista. Io la penso diversamente…non dovevano nemmeno entrare, solo trovare e contattare!”
“Vero, ma qui la faccenda si fa più…grigia. Conviene prendere quello che c’è.”
“Non c’è altra scelta…dove sono ora?”
“Non lo so con certezza…ma presumo vorranno passare inosservati. “
“Ah, siamo messi apposto. Prepariamoci ed andiamogli incontro, voglio essere il primo ad incontrarli.”
“Subito, Red.”



Due uomini conversano in una casa, cittadina di New Wickam, Zona Centrale
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Gio Lug 28, 2016 4:41 pm

L'aria è densa di fumo, le lampade ad olio illuminano la sala. Si tratta di un vecchi edificio dove la penombra regna sovrana. A discapito del suo nome, El Sabor de Cuba, il posto ha ben poco d'esotico. Un'arredamento semplice, un lungo bancone nero. Una ventina di tavolini con ben pochi clienti, del resto è il primo pomeriggio. Dietro al bancone un ispanico pulisce i bicchieri e sistema gli alcolici, seduto su uno sgabello un omaccione sta guardando intensamente il suo bicchiere di whisky.
Improvvisamente la porta del locale si apre lasciando entrare un raggio di sole. Un uomo sulla quarantina alto e slanciato entra, con un gesto del capo saluta il barista che di rimando risponde con un gesto uguale, si siede vicino al grosso irlandese.

“Sapevo di trovarti qui, Jack mi aveva detto che se non fossi stato nella Downtown potevo trovarti qui. Come stai?

L'irlandese non si gira nemmeno, continua a fissare il suo bicchiere.

“Stavo meglio prima che venissi a rompermi le balle. Cosa vuoi questo giro Chin?”

L'altro uomo continua a guardare il suo interlucutore mentre il barista gli versa un bicchiere.

“Sempre il solito caratteraccio da irlandese eh ?! Comunque volevo proporti un colpo. I miei hanno fatto cantare un paio di russi e qualcosa d'interessante ne è uscito. Ti va di provare a fare un viaggio verso Nord?”

L'omone sbuffa e si gira verso l'uomo dagli occhi azzurri.

“Di cosa si tratta?”

L'altro uomo sorride divertito.

“Te lo spiego mentre siamo in macchina, suvvia non vi abbiamo mai tirato una fregatura.”

Miami, 22 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Ven Lug 29, 2016 9:23 am

La città è in rovina, le glorie della passata era sono solo un ricordo. Grattacieli crollati come monito dell'Ira di Dio. Strade senza illuminazione ricordano l'oscurità in cui il peccato ci ha condotto. Le acque della baia e del fiume coperte di grosse pozze di petrolio in fiamme ci precipitano in un Inferno in Terra.

La cattedrale di San Patrizio ha perso la bellezza che aveva nella vecchia era. La pietra bianca è diventata nera per i fumi del petrolio in fiamme proveniente dalle acque. Lo stile neogotico è stato preservato più come monito della potenza della Litania del Dannato che per desiderio di conservare l'arte del passato. La Cattedrale Nera è l'unico edificio integro rimasto in città. Il resto sono rovine in cui si muovo uomini e donne, macilenti e cupi.

Il giovane Diacono è seduto sull'ex seggio vescovile. Il fumo delle lampade ad olio e delle candele si mescola con l'incenso bruciato. Gli interni dell'edificio sono spogli e lugubri, una decina d'imperfetti si muove tra le navate. Un uomo sulla quarantina, con abito talare nero, si avvicina verso il Diacono assorto nei suoi pensieri.

“Eminenza, la sua scorta è pronta.”

L'uomo lo guarda intensamente e sorride.

“No, penso che andrò da solo. Del resto abbiamo già decine di cacciatori in zona. Mal che vada saranno loro a proteggermi.”

La città dimenticata da Dio, 24 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Ven Lug 29, 2016 9:29 am

Due uomini armati sono appoggiati al camion. Uno dei due si fuma una sigaretta, l'altro beve da una bottiglia qualche alcolico di dubbia provenienza.

“Dici che la ragazzina pagherà come promesso?”

Il suo interlocutore fa spallucce.

“Che ne so?! Del resto i soldi non le mancano.”

Sulla strada che da Montgomery va verso Nord. 22 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Ven Lug 29, 2016 9:48 am

Il fuoco nella radura in mezzo al bosco illumina il circolo di guerrieri.

“Avete sentito? Dicono che il Re sia inquieto.”

“So che ha mandato un migliaio di guerrieri verso il profondo Nord.”

“Già pare che un qualche capo tribù lo abbia indispettito.”

“Gli Spiriti li guideranno in battaglia ed i traditori verranno divorati!”

“Peccato non potersi godere il banchetto, per seguire quel vecchio poi.”

Da qualche parte sui Grandi Laghi. 28 luglio 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Mer Ago 17, 2016 10:01 am

Una mattina di sole risplende su Urania. I raggi solari si riflettono sulle vetrate dei palazzi antistanti allo spiazzo di cemento armato. Improvvisamente si sente un allarme. Una palla infuocata si schianta al centro del piazzale. Una moltitudine di soldati di soldati ed inservienti si precipita verso il piccolo cratere, alcuni inservienti spruzzano una schiuma bianca sulla palla infuocata appena discesa dal cielo. Quello che rimane è un contorto insieme di membra e lamiere. Un vecchio con il camice si avvicina e la piccola folla si disperde per farlo passare. Gli occhi azzurri del omino curvo scrutano quell'ammasso palpitante di muscoli dilaniati, carne annerita e supporti metallici.

“Il Kapitano Fremmen rezpira ancora! Wunderbar! Inizieremo le manovre di riparazione avanzata ed istallazione dei nuovi Kampfsysteme! Schnell!”

Urania, 1 agosto 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Lun Ago 22, 2016 6:00 pm

Otto casse, confermo.
Perfetto, Roger. Inventaria tutto quello che c'è dentro, fino all'ultimo proiettile. Il Generale vuole un elenco preciso di cosa hanno portato a casa i nostri ragazzi.
Certo, signor Tenente.
*knock knock*
...Signore?
Nulla, Roger. Stavo bussando sul legno. Non chiamarmi più Tenente, ok? Porta male e ci tengo alla pellaccia.
Certo, sig...Zachary
Bene, se non c'è altro, io me ne andrei in pau...
Signor Tenente!
La voce squillante di Jeremy sul canale due fece sobbalzare Zachary sulla sedia.
...che c'è, Jeremy.
Signore! Signore! Dall'Avamposto 6 mi dicono che c'è un tizio che dice di avere un "camion per noi" al confine sud! Lo faccio abbattere, Signor Tenente?!? Eh? Lo abbattiamo?!?
La radio tacque per qualche secondo: Zachary, infatti, stava sorridendo troppo rumorosamente per poter inviare qualche risposta.

Emidees, centro comunicazioni. Metà di agosto 2116.
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Green Boy il Mar Ago 23, 2016 4:34 pm

Le navate della cattedrale di San Patrizio sono pressoché deserte, l'incenso riempie l'aria.  L'atmosfera è più pesante del solito dati gli ultimi eventi.
Due prescelti parlano dei recenti avvenimenti.


“Si, l'ho visto con i miei occhi ti dico! Il Diacono si è accasciato di fronte a noi con due grossi buchi di proiettile nella schiena! Fratello Jeremy, che lo ha soccorso, ha parlato anche di alcune ferite da taglio nel fianco!”
“Ma com'è possibile che il Diacono abbia fatto tanta strada con quelle ferite?”
“Non lo sa nessuno, il Signore lo ha benedetto sicuramente!”
“Quindi è vero che sono stati dei soldati del Centro a fare questo?”
“Si ho sentito proprio il Diacono parlare di soldati della Tiranna Blasfema. Ho saputo che Padre Hellstorm ha richiesto al Vescovo la libertà di compiere una rappresaglia ma pare che lo stesso Diacono Warlock si sia opposto ed abbia calmato gli animi.”
“Sicuramente il Signore lo avrà ispirato per questa decisione.”
“Ora il Diacono sta recuperando le forze, le ferite erano molto gravi ma egli è sopravvissuto.”
“Ci sono così tanti impuri in vita, perdere un uomo retto e forte come il Diacono sarebbe stato un colpo mortale per tutto l'Ordine.”


New York, 23 agosto 2116
avatar
Green Boy
Ribelli

Messaggi : 266
Data d'iscrizione : 27.01.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Weapon of Choice

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum